Discorsi di cacca.

Sono per strada con un collega, stiamo parlando di lavoro, anzi sto parlando io di un progetto che mi frulla in testa da un po'.

Mi chiedo quante persone conoscano il significato della parola deiezioni
Ad un tratto lui mi chiede "Secondo te le persone sanno cosa significa la parola deiezioni?"
"Deiezioni, deiezioni - penso - forse intende defezioni, no aspetta, me la ricordo questa parola, sì certo si riferisce ai detriti nei torrenti. Ma che c'entra con quello che stiamo dicendo? No, che sciocca, di sicuro parla della pretenziosità dell'aver compreso tutto. Certo, sicuramente ha tirato in ballo il pensiero filosofico degli esistenzialisti per farmi capire che devo rallentare, documentarmi meglio prima di pensare a questo progetto." Mi rendo conto che ha ragione, la mia mente corre sempre troppo in fretta.

Sto per rispondergli quando vedo il cartello che campeggia su un metro quadro di terreno erboso e capisco che sta parlando di semplice cacca di cane.

Mi chiedo quante persone conoscano il significato della parola deiezioni. Guardo le immagini  sul cartello, mi ricordano i rebus delle parole crociate :  cane +  paletta da giardinaggio + sacchetto di semi = pianta un albero per il tuo cane.

Ora è tutto più chiaro ;)