Come complicare le cose facili.

Stamane la banchina della stazione è affollata, c’è una scolaresca in gita. Ascolto il brusio dei bimbi eccitati e li osservo mentre una giovane maestra sta cercando disperatamente per la terza volta di contarli. Si muovono in continuazione e ogni tentativo di metterli in fila sembra destinato a fallire.

Fontebuona Binari
Provo simpatia per lei, e non vorrei essere nei suoi panni.

Finalmente i bimbi stanno fermi nella posizione loro assegnata e la giovane maestra riesce nel suo intento. Mi sembra quasi di riuscire a percepire il suo sollievo.

Ma i bimbi non le danno tregua, stanno fermi è vero, ma iniziano a tempestarla di domande. Un voce querula si fa sentire sopra le altre: “Maestra, perché il treno corre sui binari, invece che sulle ruote?”
La maestrina lo guarda e risponde con fermezza a una domanda per lei ovvia “Perché i binari non sono termolabili!”

Sorrido divertita e mi avvio verso il mio binario, ricordando quando, quasi mezzo secolo fa, posi la stessa domanda alla mia maestra elementare, e lei con dolcezza mi spiegò che i binari erano necessari perché il treno non aveva un volante.

Photo credits: Andreone1983